giovedì 14 marzo 2013

The Matrimonio: alla ricerca dell'abito perfetto. Ep. 3 parte 1

Lettori maschi, come al solito vi concedo la grazia e potete non leggere questo post... mi dovevo far perdonare la latitanza.

Dove eravamo rimasti... ah, sì, mi ero innamorata del vestito più bellissimissimissimo del mondo, ma sapete... non potevo fermarmi al primo di cui mi ero innamorata no?
E allora ho girato, maledetta me...

Solo in due atelier... perchè, un po' non facevo che pensare a LUI e un po' perchè mi hanno sconvolto.
Ora, vi ricordate la professionalità della CommessaE.? Ne ho parlato qui , dimenticatela.
Nei due posti dove sono stata le commesse non avevano voglia di lavorare e facevano totalmente di testa propria, anche Mamma e Amica sono rimaste sconvolte.

Episodio 3 parte 1.
1° Atelier.
Un atelier famosissimo, anche mia cognata lo ha comprato lì il suo vestito ( che non era il mio stile, ma che le cadeva a pennello) era il suo...
Arriviamo io, Mamma e M. (Amica quel giorno non poteva) e ci fanno accomodare in un magazzino, sì, avete capito bene, un magazzino! Sporco, polveroso, con i vestiti ammassati e nemmeno un posto per poggiare le cose. Fanno entrare con me Mamma e M. che si accomodano su dei panchetti scomodissimi e la tipa ( che non aveva voglia di lavorare) mi fa cambiare davanti a loro, che non c'è problema, ma cavolo, un minimo di professionalità, almeno chiedimelo.
Memore della gita precedente le dico,
alla modella sta benissimo, a me no
" Guardi, non voglio un abito bianco sparato e non lo voglio a meringa, per il resto mi affido a lei"
E lei scocciatissima " E' ma che c'avrete mai contro la meringa e poi una sposa si deve vestire di bianco... ah e poi te lo  dico... non abbiamo molti abiti della tua misura, sai, sei una taglia forte?!"
Ora  puoi esordire così?? Dopo uno sguardo sconcertato tra me e Mamma, spoglio e aspetto... aspetto... aspetto. Quando finalmente torna ha un abito bianco ottico, dritto stile impero... sulla stampella è bellino, ma una volta messo a  dosso è un disastro, sembro una colonna, mi abbassa di almeno 30 centimetri
" E' tanto ti devi mettere il tacco"

ma io  sembro vestita con un  sacco... quello il tacco non lo risolve
"No, guardi signora, davvero, non è il mio stile, preferirei una gonna un po' svasata e questo è troppo bianco"
"Uff.... vabbè vedo se c'ho qualcos'altro della tua misura" O.o
la forma non è uguale, il colore sì,
non l'ho trovato quello che mi ha fatto provare
E arriva con quello che per sempre nei nostri cuori sarà il più brutto abito che io abbia mai provato, stessa forma del primo, ma.... color bronzo.
'Na cosa oscena... ora quale sposa mediamente giuvine vorrebbe mettersi addosso sto coso? Starebbe benissimo per le nozze d'oro...
"Signora, ma è marrone"
" INTANTO E' BRONZO" sostiene acidissima... " e poi che vuoi Tu mi hai chiesto un abito non bianco, e poi immaginatelo Bianco e che cavolo!"
La vena sulla tempia aveva iniziato a pulsare...
"Signora scusi,  tra bianco e BRONZO ( e io vi giuro era marrone) c'è una bella differenza."
"Vabbè, allora ti faccio provare questo, ma guarda che per 1500 euro ti prendi il campione"
Stavo per dare il peggio di me, ma alla fine ho desistito...
Mi porta un vestito che finalmente è della mia taglia, ma bianco sparato che sembra quasi fluorescente, lo provo, almeno sulla forma ci siamo, anche se è troppo scollato per i miei gusti, me lo chiude e io noto una certa difficoltà nel respirare, glielo faccio presente chiedendo se si potesse allargare.
" Beh, no, tanto penso tu abbia intenzione di dimagrire no?"
Mamma, che in altri momenti le avrebbe dato ragione, mi sussurra all'orecchio "V. senti dai, andiamocene"
Mi guardo allo specchio e che vedo?? I miei rotolini escono da ogni dove... dallo scollo dritto che mi intozza il collo, dalla schiena, sotto le ascelle... sto vestito mi ingrassa più di quanto non lo sia io.
"Beh, tanto ci metti lo scialle no?"
 Il vestito doveva essere come quello a destra, e invece a me stava così------>
Ragazze, la foto è sgranatissima  me ne rendo conto, ma le ciccezze si vedono in tutto il loro splendore,  vi posso assicurare che mi stava nammmerda... e poi il tessuto sembrava quello di barbie luce di stelle!
 Io pensavo solo a LUI!
Ovviamente sono scappata urlando e parlando malissimo di questo atelier a tutte le future spose!

Lo so, sono malvagia ( e pure cicciosa, ma saranno cazzi miei????)

12 commenti:

  1. Madonna che commessa insopportabile! Fossi stata in te l'avrei mandata a quel paese già all'abito bronzo...
    Beh, almeno hai già in mente un abito perfetto, e in barba alla commessa saccente sai benissimo che abiti da sposa che ti stanno bene ce ne sono eccome, è la commessa che ha qualche tarlo al cervello... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stendiamo un velo pietoso...diciamo che lei ha toccato l'apice della commessa stronza... se non ti va di lavorare, non farlo, per me doveva essere un bel momento, invece ho un ricordo terribile di questo particolare negozio!

      Elimina
  2. non l'ho letto... non l'ho letto !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, ti sei letto quello del trucco e non questo, questo ti sarebbe piaciuto!

      Elimina
  3. Ma... come si fa a proporre un abito MARRONE (hai ragione tu, quello non è bronzo... e comunque anche il bronzo non è che sia una colore fantastico per un matrimonio, suvvia!) ad una sposa?!?! Che commessa da odiare! Ad ogni modo il terso e ultimo vestito a me piace moltissimo ma ovviamente ad una forma come la tua si adatta come i cavoli a merenda... Io ti vedrei benissimo in un abito stile impero, con scollo a V intrecciato all'americana che cade morbido dal seno in giù, leggermente svasato. Se fossi una commessa di abiti da sposa, non ti avrei mai portato nessuno degli abiti di cui sopra. Brrr.....
    Ah, e se il tuo cuore va sempre al vestito che hai visto... lascia scegliere lui, è il tuo vestito ;)

    Sara

    http://forlessthan50.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti giuro che non lo so, non so cosa le sia passato per la testa a quella matta, spero che nessuno vada più da lei e considerato quanto le sto facendo pubblicità negativa tra le mie amiche future spose... non credo che vedrà molte altre ragazze in carne da lei!

      Elimina
    2. Che poi, non è questione di essere o meno in carne.. è questione di BUON GUSTO, cosa che alla signora evidentemente manca ;)

      Ah, ho fatto un post su come indossare la camicia anche avendo un po' di seno, spero ti piaccia :)

      Elimina
  4. ma che storia! Beh, io prima di tutto farei il nome dell'atelier anche qui, a voce alta, e riferirei del comportamento della commessa al proprietario del negozio. Di lavoro c'è pecunia, e se una non ha voglia di fare bene il proprio lavoro può starsene a casa e lasciare spazio a chi lo sa fare ed è motivata. Io ste commesse scazzate non le sopporto, perdiana!! E in un atelier di vestiti da sposa che se va bene ci lasci mille-duemila euro?!?! No, non è accettabile!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "te lo devi immaginare bianco" parliamone, ti sto lasciando 1500 euri minimo e me lo devo immaginare?
      Te stai fuori... le commesse così le odio! In realtà odio pure quelle che ti vogliono vendere a qualunque costo qualcosa.

      Elimina
  5. No, ma quello marrone (ops, "bronzo") è il colmo, dovevi farle due urla!!
    Adesso devi dire il nome dell'atelier e sputtanarli pubblicamente :P
    sì le commesse insistenti mi fanno scappare a gambe levate.. ma pure quelle che se chiedi qualcosa ti trattano ammerda. Insomma, come in tutte le cose ci vuole misura. Le commesse veramente brave sono poche (e di solito non le fanno lavorà... costano troppo.)

    RispondiElimina
  6. cioè, chiedi un abito non bianco e l'unico colore che vede lei è il color cacca? no scusa, fai super recensioni negative perché questa non si merita di avere clienti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che un po' lo sto facendo tra le mie amiche che si sposano, ma a quanto pare sta storia l'ha fatta solo con me, si vede che le stavo antipatica.
      Ben trovata
      V.

      Elimina

Ciao a te! Grazie per essere passato, ci sentiamo alla prossima!