venerdì 6 settembre 2013

Cosa metto nel porta pranzo: le ricette della settimana.

http://www.beglam.it/?tag=porta-pranzo
Una nuova rubrica... se ne sentiva veramente il bisogno direte voi, ne hai giusto 5/6!
Ma in questi giorni sono spinta dal sacro fuoco della creatività e mi va di tediarvi con inutili racconti sulla mia vita quotidiana, ma non vi preoccupate, primo o poi aggiornerò anche le altre: ho un paio di post già pronti a cui devo dare solo il tocco finale, ma  questo post mi premeva di più.

Ieri è venuta a cena M. una mia cara amica, anche lei a dieta e anche lei con l'annosa domanda:

COME DIAMINE FACCIO A CONCILIARE LA VITA DI TUTTI I GIORNI CON LA DIETA?

Infatti, il rischio, quando si decide di cambiare stile di alimentazione, o semplicemente di ritornare a quello che si aveva prima, è quello di isolarsi, di non riuscire ad avere più una vita sociale o ancora, di non sentirsi mai appagate di quello che si mangia, perchè effettivamente mangiare sempre le stesse cose annoia... la capisco e personalmente, nel mio altalenante percorso di diete prese e mollate, ho sempre cercato di variare il mio pasto. E ultimamente ho scoperto che  se mi cucino qualcosa, lo ideo da zero, lo faccio il più colorato possibile e poi me lo impiatto in maniera carina, mi soddisfa di più e, non so proprio perchè, arrivo con meno fame. Ma questo vale per la sera, per il pranzo è tutta un'altra storia.

Io mangio in ufficio, con i miei Ingegneri normalmente, alle volte al computer, ma comunque non torno mai a casa per pranzo e io non ho diritto alla mensa (grazie al cielo), quindi mi devo arrangiare. E anche Marito, con l'occasione della dieta, ormai si porta il pranzo in ufficio, quindi oltre a pensare a me, penso anche al suo pranzo ed è una cosa che ho scoperto mi piace fare tantissimo.
Quindi sono super presa dalla ricerca di piatti unici ( perchè più pietanze insieme non ci stanno nel portapranzo) e dalla creazione di nuove ricette espresse da preparare la mattina prima di uscire o la sera prima di andare a dormire. Di solito uso tantissimo il riso, soprattutto il basmati e il venere, ma ho comprato anche quello per il sushi così ci posso fare le polpettine!

lo voglio fare pure io
Io in più sono una tipa golosa, amo i piatti saporiti, ma adoro anche quelli colorati, le mega insalate, i piatti che mescolano consistenze diverse. Quindi spazio alla fantasia. Arriverò anche io a creare cose del genere, perchè alle volte anche la presentazione, soprattutto per quanto riguarda il piatto unico e il portapranzo, è importante.

Questa settimana, essendo la prima della dieta e quindi non sono affatto organizzata a casa, mi sono portata soprattutto verdure e pesce (in scatola ahimè).

Lunedì: paella di pesce, quella congelata, fatta sul piatto crisp del mio microonde spaziale, con l'aggiunta di curry... buonissima, poca ( ho contato male le quantità) ma buonissima.
Martedì: carotine e piselli al vapore ( in scatola),  salmone al naturale in scatola, conditi con erba cipollina e un po' di semi di sesamo. Questo abbinamento di sapori e consistenze è buonissimo, ma la presentazione lasciava a desiderare)
Mercoledì: insalata di carotine julienne e tonno al naturale (una tristezza esagerata)
Giovedì: verdure al vapore e salmone al naturale
Venerdì: Insalata verde con pomodori, carote al vapore, polpo al vapore, semi di sesamo, erba cipollina e origano.  (mi sono impegnata, ma il porta pranzo è piccolino e non permetteva una presentazionedegna di questo nome, ma i colori erano bellissimi ed è piaciuta un sacco anche a Marito, sono alla ricerca di una Bento box  da portare in ufficio così da nutrire lo stomaco ma anche gli occhi!)

Si accettano consigli su piatti unici, ricette sfiziose, magari non troppo caloriche...



6 commenti:

  1. Sono terrorizzata dalle parole "al vapore" altrimenti credo che anche io potrei provare la tua dieta :)
    Io ho accesso alla mensa ma ultimamente mi sto portando il pranzo da casa. Meno spese e cose più sane.
    Per esempio oggi la mia frittatina con zucchine m'ha dato taaaaanta soddisfazione,

    bacio cara

    RispondiElimina
  2. Braverrima! e comprare un thermos e portarti via qualche buona zuppa di orzo, farro o qualche velutata?
    se prima di versarci la minestra lo riempi di acqua bollente e lo lasci scaldare l'effetto termico è assicurato fino a pranzo!
    e poi portarti anche qualche crostino di pane da aggiungere all'ultimo.
    baci
    elena

    RispondiElimina
  3. ehm.. volevo dire vellutata! ;)

    RispondiElimina
  4. che acquolina! Sarà che di verdure sono golosissima.. e pure di risotti & affini! Non avendo praticamente mai avuto il problema, non ho idea di come gestire un pranzo fuori casa ma mi sembra che tu lo stai facendo egregiamente. Preparazione & presentazione sono un ottimo modo.
    Pasta è esclusa? Altrimenti mi preparerei anche una pasta fredda con verdure (tipo insalata di riso). Patate lesse e fagiolini? L'idea di Elena qui sopra di portare il thermos con la zuppa è perfetta per i mesi a venire, e con le zuppe ci si può veramente sbizarrire. Consiglio fortemente il farro, buono e leggero - puoi anche usarlo al posto del riso per fare insalata con pomodori, mozzarella, basilico, è ottima!

    RispondiElimina
  5. rieccomi, c'è un piccolo premio che ti aspetta :)

    RispondiElimina
  6. Ciao, è la prima volta che leggo il tuo blog, sul quale sono capitata alla ricerca di idee di pranzetti da portare in università con il mio nuovissimo bento Aladdin (venti euro circa su Amazon, colore verde!). Penso che d'ora in poi ti terrò d'occhio ;) buona giornata!

    RispondiElimina

Ciao a te! Grazie per essere passato, ci sentiamo alla prossima!