lunedì 16 settembre 2013

The Matrimonio: regina della casa o casalinga disperata?


Nei film o nei telefilm non si vede mai una donna stirare, lavare per terra, pulire il bagno... le faccende di casa si riducono a preparare cene e pranzi, su una cucina pulita come un tavolo operatorio ( a loro non succede mai di sporcare, di sporcarsi o che gli esplode il sugo), se vanno a fare la spesa ci vanno taccate, truccate, così tanto in tiro che io non mi ci metto nemmeno per uscire. E al supermercato normalmente incontrano l'uomo della loro vita al banco della frutta, io al massimo ci incontro la vecchina che mi passa avanti... E la loro casa è sempre perfetta, sembra un museo (un po' come quella di mia suocera...). Anche quando lavorano riescono a prepararsi la colazione e a preparare la colazione a tutta la famiglia... Io e Marito nemmeno ci parliamo le rare volte che riusciamo a fare colazione insieme, io prima del caffè sono una iena! 
Fanno vedere alle ragazze che si apprestano alla vita matrimoniale, un mondo roseo, in cui la cucina è l'unica faccenda che uno fa... ma a quelle i vestiti si riproducono per mitosi? Non devono stendere i panni o stirarli? A loro il lavandino della cucina non si intasa mai?

"E tu V. promettimi una cosa... che non userai mai i piatti di carta per preparare la cena a Marito"

"E tu Marito, aiuta V. a sparecchiare la tavola a cena e il mercoledì falle sempre una sorpresa, perchè è dura essere una donna che lavora e che si deve occupare della casa... e aiutala con i figli che verranno"

Il Don, durante la predica al nostro matrimonio. 
Ebbene sì il Don ha proferito queste esatte parole... rimarcando la difficoltà di essere donna e scatenando l'ilarità generale nella chiesa... NA ancora me lo dice: "hai usato i piatti di carta?" 

Questo  inutile preambolo serviva per entrare nel vivo del post, che mi girava in testa da tempo:

V. LA REGINA DELLA CASA (che con me si tramuta in V: CASALINGA DISPERATA) 

Perchè io non so voi, ma da quando io non vivo più con Mamma e Papà, i panni non compaiono misteriosamente puliti e stirati nell'armadio, la cena non si manifesta da sola tutte le sere ( se non fai la spesa non si mangia) se non ti ricordi di comprarlo il latte, la colazione non la fai... 


Tutte ovvietà e banalità che i primi mesi in cui si vive da soli si scoprono sulla propria pelle. Si impara sulla propria pelle che se non ci si organizza si va a dormire alle 2 di notte per finire di mettere in ordine. E Marito non è un uomo delle caverne che non fa nulla a casa. 
La casa è di entrambi, entrambi ci viviamo ed entrambi ce ne prendiamo cura. Ci diciamo le cose da fare e ci dividiamo i compiti. 

MA c'è un MA grosso come una casa: IO SONO DISORDINATA, patologicamente disordinata; quando torno a casa non mi spoglio rimettendo le cose nell'armadio o nel cesto dei panni sporchi... no, io ESPLODO! Semino panni in giro per casa e poi passo i successivi giorni a rimetterli a posto. 
Perchè non rimetto in ordine subito? Chi è ordinato non può capire. E sinceramente non saprei nemmeno spiegarvelo... so solo che Marito mi odia per questo. 
Ciclicamente quindi mi lancio in campagne di riordino maniacale, di pulizie a fondo... solo la spesa mi dà gusto rimettere in ordine, e pulire la cucina mi dà un'immensa soddisfazione, le altre cose mi annoiano. Quindi con Marito ci siamo divisi i compiti.

Marito ha l'appalto per: spazzare, passare l'aspirapolvere, stendere (se non lo faccio io), farmi notare che il bidone dei panni è pieno, cucinare (nelle grandi occasioni), svuotare la lavastoviglie,  fare il letto la mattina, tenere pulito il suo studio, fare i lavoretti da uomo in casa.

V. ha l'appalto per: lavare bagni, lavare cucina, fare le lavatrici, tenere d'occhio le scorte alimentari e, nel caso, stilare la lista della spesa, riordinare i panni, stirare, lavare per terra, lavare i vetri, cucinare per la sopravvivenza giornaliera, programmare i pasti settimanali, spolverare, innaffiare le piante, cambiare le lenzuola al letto.

Tagliatelle gamberetti e brandy
preparate da Marito 
Mi sembra che i compiti siano equamente distribuiti, ma, nonostante questo, io finisco sempre per accumulare panni da stirare, lavatrici da fare, vestiti indossati e mai rimessi a posto... lui dal canto suo, se gli dico cosa deve fare lo fa, se no.... a meno che non sia evidente, no. Però, devo dire che, da quando viviamo insieme, non mi sono mai lamentata del fatto che lui non mi aiuti... vedo amiche che invece si sobbarcano tutti i lavori a casa, lavorando e accudendo i figli.
Così una schiatta, per fortuna ho trovato Marito che fa un sacco di cose, tra cui cucinare per noi (il mercoledì, che è l'unica sera che riusciamo a cenare insieme a causa dei suoi allenamenti) e devo dire che cucina molto bene. 


E voi? Siete le regine della casa o casalinghe disperate?

4 commenti:

  1. Casalinga disperata, grazie! Sono disordinata e disorganizzata (mio marito è ordinato in senso quasi maniacale e super-organizzato!) ... Ma con il tempo (ehm ... 5 anni di matrimonio ... con calma) ho imparato a organizzarmi un pochino ... Per il disordine purtroppo non posso farci nulla ... Il più delle volte è mio marito che mi mette via le scarpe e le borsette che lascio in giro ... Ma non ci lamentiamo di lui! Anzi, ce ne fossero! La spazzatura è un compito tutto suo, così come il giardino ... E io mi occupo dell'interno di caso! A me l'unica cosa che da proprio da fastidio fare è stirare ... Con il tempo me ne sono fatta una ragione, ma i primi mesi che fatica!!!
    Buona giornata!
    Benedetta

    RispondiElimina
  2. Anche il mio USI ha imparato nel tempo a casalinghizzarsi. E grazie a Dio visto che io sono fuori casa 12h al dì. Nonostante l'equità dei compiti capita spesso che casa sia un letamaio. Quello che dici è vero. L'organizzazione è tutto. Il tuo Don è un mito :)

    RispondiElimina
  3. Ah ti faccio compagnia, sono una disordinata patologica con compagno disordinato-che-non-si-accorge-nemmeno-se-è-sporco. Ergo, quando IO decido che è ora metto in ordine e pulisco (e in tali occasioni divento maniaca dell'igiene ordine e pulizia dopo aver vissuto in un porcile per giorni :D). Se aspetto lui sto fresca, potremmo vivere nel letamaio e non se ne accorgerebbe. Però cucina, e lo fa da dio!!!! Il nostro compromesso è che io lavo i piatti e lui prepara manicaretti. Poi io faccio anche la spesa, lavo pure i panni (dopo averli raccattati per la casa), pulisco per terra, spolvero (se mi ricordo di farlo), mi occupo della differenziata, faccio il letto, etc, ma NON stiro per principio (anche se la mamma mi ha regalato un ferro da stiro per disperazione) e quando lui mi dice che le sue camicie sono stropicciate rispondo che proprio non mi compete, e che se la vuole stirata quella se la fa da solo. Ao'. Vabbè l'ammore ma stirare proprio non mi piace!
    Ogni tanto cmq lo costringo a portare fuori la spazzatura o fare la lettiera del gatto. Il bagno però lo pulisco io, in generale cmq preferisco pulire io perché -ehm- pulisco meglio. Se lo fa lui poi devo ripassarci.......... Decisamente casalinga disperata. -_-
    Mitico il prete!!!! :DDD

    RispondiElimina
  4. Applausi per il don, che mi sembra un uomo di mondo, oltre che di chiesa! :D
    Per il resto, son giovine: mi beo dei panni che si materializzano nell'armadio e delle provviste che si riproducono nella dispensa xD

    RispondiElimina

Ciao a te! Grazie per essere passato, ci sentiamo alla prossima!